La suddivisione delle spese nuziali

Un tempo la dote era condizione imprescindibile per un matrimonio, le famiglie, anche le più povere, facevano di tutto per assicurare alle figlie quel tanto che bastasse a sposarle. La dote era rappresentativa del ceto sociale e per le ragazze era irrinunciabile.
Oggi le condizioni sono profondamente diverse: ci sono coppie che convivono prima di sposarsi e che dunque, al momento del matrimonio, hanno già tutto ciò che occorre per la loro vita insieme, ci sono coppie che si sposano una volta raggiunta l'indipendenza economica e gravano poco o per nulla sulle proprie famiglie, ci sono invece coppie che per sposarsi devono affidarsi alle risorse dei propri genitori.

L'importante è che si sia consapevoli delle proprie condizioni finanziarie e si cerchi di trovare insieme una soluzione comune. Il consiglio è che gli sposi, magari con un po' di pazienza, ascoltino i consigli e le indicazioni delle famiglie. I genitori, dal canto loro, è importante che contribuiscano alle valutazioni, ma nel rispetto del gusto e delle scelte della coppia. Questa fase prevede un buon gioco di equilibrio.

Ogni coppia sceglierà le soluzioni che preferisce, esiste comunque la versione del galateo sulla suddivisione delle spese nuziali:
Alla famiglia della sposa spetta:
- corredo della casa (con variazioni delle tradizioni regionali)
- partecipazioni
- abito, accessori, trucco e parrucco della sposa
- bomboniere e confetti
- allestimenti floreali (incluso bouquet per damigelle e fiori per il paggetto)
- spese del ricevimento (anche in caso di affitto location e catering)
- affitto dell'automobile
- musicisti
- servizio foto e video

Tradizionalmente invece, la famiglia dello sposo dovrebbe farsi carico di:
- affitto o acquisto della casa
- arredamento della casa
- viaggio di nozze
- noleggio auto per parenti sprovvisti
- anello di fidanzamento
- fedi nuziali
- offerta alla Chiesa
- bouquet della sposa
- fiori per la boutonnière dei testimoni
-

Ci sono poi alcune convenzioni locali, che a seconda del legame o meno delle famiglie alla tradizione, potranno influire sulla divisione delle spese. Le coppie moderne tendono però oggi a seguire una linea diversa:

- i costi del ricevimento, delle partecipazioni, delle bomboniere, dei fiori e di tutto ciò che concerne la cerimonia e la festa, viene diviso a metà tra le due famiglie.
- la famiglia di lei penserà alla mise della sposa, così come la famiglia di lui a quella dello sposo.
- il viaggio di nozze è solitamente a carico della coppia, anche se oggi è frequente che gli sposi sostituiscano o integrino la tradizionale lista nozze con la quota viaggio da parte degli invitati. Ai due sposi, con il contributo magari delle famiglie, spetteranno le spese della casa.

I commenti sono chiusi