Il decalogo del buon viaggio

Il giorno del matrimonio sarà ricco di emozioni e gioia, a festa conclusa calerà la tensione e le coppie che possono permettersi di farlo, non vedono l'ora di mollare tutto e partire per il tanto sognato viaggio di nozze. Occasione spesso per affrontare un viaggio lungo, magari lontano, e concedersi qualche coccola (o sfizio!).

Le opzioni sono davvero tante e a meno che non si abbia già una meta in testa, non è facile orientarsi. Ecco qualche consiglio per far sì che la preparazione del viaggio non sia solo uno stress.

1. Il budget. Se avete due o tre settimane da spendere fuori, i costi saranno senza dubbio consistenti. La prima scelta da fare è questa: il viaggio lo pagate voi o pensate di fare una lista viaggio presso un'agenzia? Nel primo caso dovete farvi i conti in tasca e stabilire un budget entro cui stare, nel secondo avete un margine indicativamente maggiore.

2. La lista viaggio. Come funziona la lista viaggio? Ogni agenzia ha le sue modalità, in generale possiamo dire che gli sposi scelgono la meta, le escursioni, le sistemazioni, gli spostamenti e così via. L'agenzia stila un preventivo, se la coppia lo accetta il viaggio è deciso. Gli sposi (o qualche amico incaricato, o le famiglie) si occuperanno di informare gli invitati sull'esistenza della lista viaggio. Ciascuno potrà versare la propria quota (in base alle indicazioni dell'agenzia) che andrà a coprire una parte del viaggio di nozze. In genere, con questa modalità si riesce a coprire l'intero costo del viaggio.

3. La meta. La scelta della destinazione del viaggio segue i gusti e i desideri della coppia. Se avete molti giorni a disposizione e un buon budget potete pensare di fare davvero il viaggio della vita, optando per quella meta che vi incuriosisce, magari davvero dall'altra parte del mondo. Verificate che la situazione politica del Paese che scegliete sia stabile e controllate, soprattutto se cambiate continente, il clima nel periodo in cui è previsto il viaggio.

4. Agenzia o fai da te? Se è vero che con Internet organizzare un viaggio (vedere le destinazioni, gli alloggi, farsi un'idea dei costi e degli spostamenti) è alla portata di tutti, è altrettanto vero che l'organizzazione del matrimonio assorbirà molte delle vostre energie. Affidare la gestione della luna di miele a un'agenzia significa poter esprimere le proprie idee e creare il viaggio che si desidera affidandosi però alle mani di professionisti, che sbrigheranno la maggior parte delle incombenze per voi. Se invece ritenete di avere tempo e voglia per pianificare il vostro viaggio di nozze nel dettaglio, via libera al fai da te. Nel primo caso fatevi spiegare dall'agenzia se c'è bisogno di un acconto, quanto tengono aperta l'eventuale lista viaggio e quanto tempo prima dovrete saldare il totale.

5. I cataloghi, le ricerche. Sia che scegliate l'agenzia sia che optiate per il fai da te, è consigliabile farsi qualche idea sulle destinazioni. Se non ne avete una prefefinita, perdete un po' di tempo a sfogliare i cataloghi dei maggiori tour operator (li trovate anche on line o chiedeteli in agenzia): possono risultare utili per visualizzare le varie proposte e le diverse opzioni.

6. Lo stile del viaggio. Il viaggio di nozze è certamente una preziosa occasione per vedere angoli di mondo, girare, lasciarsi trasportare dall'avventura e dalla curiosità, conoscere altre culture e altri stili di vita. Tenete presente che sarete stanchi: quindi, se optate per un tour, valutate anche di fare qualche giorno di totale relax. Vi servirà.

7. Essere informati. Se organizzate il viaggio da soli, avrete in mente il suo intero svolgimento, ogni dettaglio sarà scelto da voi e non dovreste rischiare brutte sorprese (anche se l'imprevisto va messo in conto sempre). Se vi affidate a un'agenzia invece, cercate di dedicare comunque del tempo a vedere l'itinerario, le escursioni (se inserite), gli spostamenti (spesso le agenzie inseriscono i transfer privati che hanno un costo notevole, magari potete optare per un più economico taxi o bus), cercate gli hotel su internet (vi piacciono? Sono in una zona centrale o quantomeno ben collegata?), insomma cercate di essere preparati. Viaggiate in aereo? Controllate le dimensioni e il peso dei bagagli delle compagnie cui vi affiderete.

8. I documenti, i pagamenti, le vaccinazioni. Richiedete per tempo il passaporto o se l'avete già verificate non sia scaduto; informatevi per il visto (dove occorre) e per la patente internazionale se il vostro viaggio prevede l'uso di auto. La patente italiana è sufficiente per guidare in tutti i Paesi dell'Unione Europea, negli altri Paesi europei (a esclusione della Federazione Russa) e in diversi Paesi extra-europei, ma nella maggior parte dei Paesi extra-europei è invece richiesto un permesso internazionale di guida. Verificate come conviene pagare nel Paese in cui vi recherete, assicuratevi di avere del denaro nella moneta locale, informatevi sul funzionamento di carte di credito e bancomat. Seguite le indicazioni del Ministero della Salute circa le vaccinazioni obbligatorie.

9. La lista delle cose da portare. Il consiglio è quello di creare un foglio o un file sul computer in cui inizierete a mente sgombra e con largo anticipo a fare l'elenco delle cose che vi occorrono e che dovete portare con voi. Capiterà, magari parlando con amici o con il partner, che vi ricordiate di cose da portare con voi: segnatele nell'elenco. Soprattutto se partire immediatamente dopo le nozze questa lista vi sarà preziosa per quando dovrete fare la valigia. Nei giorni prima del matrimonio la confusione regna sovrana, meglio essere preparati!

10. Fare la valigia. Il contenuto della valigia dipende dalla destinazione. In generale, cercate di essere preparati a ogni evenienza. Optate per capi adatti all'esperienza che andrete a vivere e orientatevi su una linea di colore, in modo da favorire gli abbinamenti. Valutate se avere un bagaglio a mano in cui inserire un cambio di emergenza, nel caso sfortunato in cui, se viaggiate in aereo, il vostro bagaglio venga smarrito. Per agevolarvi con lo spazio (ma attenzione al peso se viaggiate in aereo) potete acquistare i sacchetti che mettono i capi sotto vuoto, in commercio esistono anche quelli che non necessitano di pompette o aspiratori. Ricordate anche di verificare, se andate all'estero, quali prese elettriche vengono utilizzate, potrete così attrezzarvi per tempo.

I commenti sono chiusi